Triglie alla pesarese

salvia, triglie alla pesarese

Triglie alla pesarese: la ricetta è stata suggerita da un marinaio pesarese dei pochi pescherecci che ancora sopravvivono in Adriatico e approvvigionano i mercati ittici della costa. E’ una ricetta particolare, perché unisce i prodotti del mare e quelli della campagna.

Triglie alla pesarese, cucina creativa popolare

Quando curavo l’ufficio stampa di Conferesercenti di Pesaro e Urbino, la stessa organizzazione aveva promosso la costituzione della cooperativa di gestione del mercato ittico di Pesaro in via Lombardia.

Avevo così occasione, ogni tanto, di venire a conoscenza di qualche ricetta tradizionale o di qualche buon consiglio per preparare il pesce.

Come quasi tutte le ricette popolari, non ha nulla di particolarmente elaborato, non gioca sulla destrutturazione degli ingredienti, ma a suo modo è cucina creativa, e anche molto. La triglia adesso ha prezzi che ondeggiano dal basso all’alto, ma nel nostro passato, neanche tanto remoto, la triglia era considerato pesce povero, perché spinoso, perché abbondante. Unire questo pesce povero al prosciutto di campagna, non è forse uno dei punti più eccelsi della creatività?

 

Triglie alla pesarese, gli ingredienti

Per 4 persone

12 Triglie media misura
Prosciutto crudo
Salvia fresca
Olio extravergine di oliva
Pepe nero
Sale

 

Triglie alla pesarese, la preparazione

Preparare le triglie alla pesarese non è difficile: la parte più complicata è la pulizia del pesce. Le triglie, infatti, vanno squamate e svuotate delle interiora. Se non sai fare, chiedi al pescivendolo e vedrai che in cinque minuti ti farà trovare pronte e pulite le triglie.

Adesso che hai le triglie pronte, salale (poco, perché utilizzerai anche il prosciutto che è già salato) e pepale. Poni sulla triglia una fogliolina di salvia, poi avvolgi triglie e salvia in una fettina di prosciutto.

Le triglie alla pesarese vanno cotte al forno, quindi procurati una teglia, coprila di carta alluminio, ungi poco poco con l’olio per non far attaccare il pesce. Poni le triglie avvolte nel prosciutto nella teglia, ogni tanto fra le triglie infilaci una fogliolina di salvia.

Inforna nel forno caldo a 180 gradi e cuoci per 12-15 minuti. Servi le triglie ancora caldissime.

 

Triglie alla pesarese, abbinare il vino

Con un piatto così sapido, così ricco di sapore ci vuole un bel vino bianco. Si può provare con un Verdicchio di Matelica, ad esempio, oppure un’ottima Vernaccia di San Gimignano.

 


 

TI E' PIACIUTO? CONDIVIDILO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *