Spuma di Mortadella, dalla tradizione bolognese

Spuma di mortadella

Spuma di Mortadella: una ricetta della tradizione bolognese facile e veloce da preparare. La si spalma su crostini di pane dorati e caldi oppure può essere usata per farcire tartine, fagottini, vol-au-vent, cornetti salati. Da alcuni anni è considerato un antipasto ‘fighetto’ presente durante aperitivi altrettanto ‘fighetti’: in ogni caso è buono!

E’ una ricetta dal sapore sfizioso e gustoso e i pochi ingredienti che si adoperano -mortadella, ricotta, parmigiano reggiano, panna- devono essere selezionati bene. Val la pena, insomma, non risparmiare sulla Mortadella e sceglierne una a marchio Igp di buona qualità, e così anche per la ricotta: meglio sceglierla fresca, evitando quelle confezionate.

Ovviamente va prestata attenzione anche alla scelta del Parmigiano Reggiano: se possibile, sceglierne uno di media stagionatura. Per la panna è più difficile scegliere prodotti di eccellenza, sui banchi di negozi e supermercati si trovano più o meno le stesse marche.

La panna fresca si fa anche in casa, e la si prepara anche in poco tempo, comunque non è che tutti hanno tempo per farlo, diciamo allora che per la spuma andrà bene scegliere una panna fresca liquida (quindi non una panna UHT a lunga conservazione). Al posto della panna, prevista nella ricetta dell’Accademia Italiana della Cucina, c’è chi usa il latte fresco.

Spuma di mortadella, ingredienti

200 gr. di Mortadella di Bologna IGP

80 gr. Ricotta vaccina fresca

2 cucchiai di Parmigiano Reggiano

1 cucchiaio e mezzo di Panna fresca liquida

 

Spuma di mortadella, preparazione

Acquisto un pezzo di mortadella intero e lo riduco a pezzetti fini.

Aggiungo alla mortadella la ricotta e il parmigiano e incorporo i tre ingredienti mescolandoli  delicatamente.

Verso la panna liquida e continuo a mescolare.

Quando il composto è abbastanza omogeneo, lo frullo fino ad ottenere una spuma.

Di solito la servo su crostini di pane spalmati con un velo sottilissimo di burro.

TI E' PIACIUTO? CONDIVIDILO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *