Riso verdegiallo

Ricette veloci: Riso verdegiallo
Il panico arriva quando apri il frigorifero e lo trovi in tutto simile agli scaffali dei magazzini GUM di epoca sovietica, e al tempo stesso ti accorgi che è sabato e fra non molto tornerà tuo figlio da scuola. Dai un’occhiata smarrita agli angoli più remoti del frigo, ti metti a cercare nella credenza della cucina, cerchi di calcolare quanto tempo impiegheresti a compiere il trafitto casa-supermercato-casa, poi alla fine ti arrendi e cerchi di stimolare la tua fantasia per far sì che i pochi ingredienti trovati diamo vita a un piatto decente.

Nel frigo ho trovato un fondino di prosciutto cotto, un paio di patate, carote in abbondanza, un peperone; c’è poi lo scatolame: ceci, lenticchie, piselli…

Ciò che risolve la situazione è trovare un paio di bustine di zafferano in polvere. Con lo zafferano puoi fare di tutto e salvare qualsiasi piatto!
Alla fine è uscito un piatto di riso non solo gustoso, ma anche d’effetto grazie ai vivaci colori (la foto non rende!), con l’intensità dell’oro dello zafferano, dell’arancione delle carote e del verde dei piselli che emergevano sul bianco del riso.

Ingredienti

Riso (di quelli a 5 minuti di cottura)
Carote tagliate a julienne
Piselli fini o finissimi
Un fondino di prosciutto cotto
Zafferano in polvere
Scalogno o cipollotto
Latte
Olio extravergine

 

Preparazione

In poco tempo dovrò terminare la ricetta e impiattare, quindi a fiamma vivace soffriggo nell’olio uno scalogno (o un cipollotto) tritato finissimo, quando prende colore verso le carote, i piselli, allungo con un po’ d’acqua, chiudo col coperchio e lascio cuocere a fiamma media, fino a quando le carote non si saranno ammorbidite.
Verso il prosciutto cotto tagliato a dadini o listarelle e proseguo la cottura ancora per qualche minuto.
A parte, avrò già versato il riso nell’acqua bollente, appena cotto lo metto nel sugo. Faccio sciogliere lo zafferano in una mezza tazzina di latte tiepido, lo aggiungo al resto e mescolo delicatamente.

TI E' PIACIUTO? CONDIVIDILO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *