Pasticciata alla moda della zia Maria

pasticciata, casalinga
Pasticciata: questa ricetta l’ho trovata negli appunti di mia mamma. Come si sa, le mamme si scambiano ricette con parenti e amiche, e questa deve essere il frutto di uno di quegli scambi. Gli appunti sono molti scarni. Mia madre, tuttora, si ricorda i procedimenti a memoria e le dosi sono a occhio: un po’ di questo, un po’ di quest’altro.

Anche i consigli si misurano a “un po’”: “Aggiungi un po’ di quello, per favore!”. Un po’ quanto? Un po’. E devi capire guardandola, osservandone gesti e tempi, che quel che conta non è l’apprendere trasmesso passivamente da un libro di cucina, ma il fare: provare, sbagliare, riprovare, assaggiare, togliere e aggiungere, fino a quando il sapore non ti sembri perfetto.

La ricetta è stata data a mia madre da mia zia Maria, la sorella di mio padre, ed è una sorta di ‘pasticciata‘ in bianco che preparava la suocera di mia zia e a detta di mia mamma si tratta di un piatto eccezionale.

Gli ingredienti non sono proprio quelli della tradizionale pasticciata che si prepara a Pesaro o a Fano, anche se la ricetta è di origine fanese: sarà, dunque, una delle tanti varianti familiari che un po’ tutte le ricette tipiche hanno. Qui mancano conserva di pomodori o pomodorini, mancano la carota e il sedano, mentre l’uso del lardo -davvero raro nella cucina di oggi- ne rafforza l’identità, il gusto deciso.

In questo blog abbiamo già pubblicato la ricetta della pasticciata fanese di mamma Graziana e la ricetta della pasticciata pesarese.

Pasticciata, gli ingredienti

Per questa ricetta servono:
un bel pezzo di magro di Bovino
Aglio
Pancetta
Lardo
Olio extravergine di oliva
Chiodi di garofano
Vino bianco
Sale
Pepe nero

 

Pasticciata, la preparazione

La preparazione è la seguente: bucare la carne e lardellarla con aglio e pancetta, salarla e peparla, poi metterla in pentola con la cipolla su cui saranno stati infilzati 2 chiodi di garofano, con il lardo e l’olio, coprire la pentola con un foglio di carta paglia, e sopra sigillare con un piatto dove si sarà versato del vino bianco. Cuocere al minimo, finché la carne non sarà tenera.

TI E' PIACIUTO? CONDIVIDILO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *