Archive for Olio extravergine di Oliva

Pizza di Pasqua, la ricetta della tipica crescia

Pizza di Pasqua ricetta tipica delle Marche e Fano

Pizza di Pasqua ricetta tipica delle Marche e FanoPizza di Pasqua, Crescia di Pasqua o anche crescia al formaggio: questo pane salato, tipico delle festività pasquali, ha sì i suoi ingredienti fondamentali (uova e formaggi grattuggiati) ma poi ogni famigia ha la ‘sua’ crescia di Pasqua, inimitabile e con qualche particolarità che la distingue da tutte le altre. » Leggi tutto

Paste corte: sugo Salsiccia, Asparagi, Zafferano

Cover Asparagi Salsiccia Zafferano Sugo Ricetta

Salsiccia, asparagi e zafferano: ecco un sugo per condire un primo piatto buono e bello da vedere. Anche in questo caso a tavola farà la sua figura nonostante sia una ricetta semplice, abbastanza veloce.

La ricetta è tipicamente primaverile, per via della stagionalità degli asparagi. Non è propriamente dietetica, a causa della salsiccia e della panna liquida, ma ogni tanto uno strappo alla regola si potrà pure fare…

Gli ingredienti principali sono, appunto, tre: gli asparagi, la salsiccia, lo zafferano. La qualità è importante, certo, e potremmo realizzare la ricetta con lo zafferano in pistilli, la salsiccia di mora romagnola, l’asparago di Altedo, ma se saremo in versione risparmio, direi che gli ingredienti acquistati in un supermercato potranno andare più che bene. Almeno io la penso così.

Lo stesso ragionamento riguarda il brodo vegetale: se si ha tempo, prepararlo da noi è ottimo, ma se si è di fretta, si può adoperare benissimo del brodo vegetale pronto.

Cominciamo con gli ingredienti…

Gli Ingredienti

Per 3 persone

Asparagi 250 gr.

2 Salsicce

2 Bustine di Zafferano

Panna liquida fresca

Mezza Cipolla

Mezzo bicchiere di Vino Bianco

Brodo vegetale

Olio Extravergine di Oliva

Sale

Pepe nero macinato (facoltativo)

Parmigiano Reggiano o Pecorino Romano (facoltativo)

Asparagi Salsiccia Zafferano Sugo Ricetta

Il sugo è quasi pronto, manca solo lo zafferano.

La Preparazione

La prima operazione da fare è pulire gli asparagi: lavarli delicatamente, facendo attenzione a non spezzare le punte; eliminare la parte più dura e fibrosa del gambo; tagliarli a rondelle spesse mentre le punte andranno lasciate intatte.

Terminato il mio lavoro con gli asparagi, trito finemente la mezza cipolla (se si tratta di cipolle piccole, ne uso una intera).

Scaldo l’olio e verso la cipolla tritata. Evito il soffritto, va bene lasciarla appassire nell’olio.

Mentre la cipolla appassisce dolcemente, provvedo a sgranare la salsiccia e quando la cipolla è dorata, l’aggiungo in padella alzando la fiamma.

La salsiccia va rosolata ma non bruciacchiata, quindi attezione alla fiamma. Quando ha preso colore, verso il mezzo bicchiere di vino, alzo ancora la fiamma per qualche istante per far sfumare la parte alcolica.

L’ora degli asparagi

A questo punto è ora di unire gli asparagi: un pizzico di sale e li amalgamo al resto facendo attenzione a non spezzarli.

Verso un po’ di brodo vegetale, chiudo con un coperchio e lascio proseguire la cottura a fuoco medio-basso fino a quando gli asparagi non saranno teneri e cotti (faccio attenzione a non lasciarli sfaldare, poiché vanno mantenuti croccanti).

Arriva lo zafferano

A cottura ultimata, sciolgo lo zafferano in un po’ di brodo caldo e lo verso nel sugo, insieme a un qualche cucchiaio di panna liquida, mescolando accuratamente e in modo delicato, tenendo la fiamma bassa.

Quando l’amalgama sarà pronta, spolvero con un po’ di pepe nero macinato al momento e aggiungo  – ma non è obbligatorio!- pochissimo parmigiano reggiano oppure pecorino romano: poco, perché non deve coprire la delicatezza degli asparagi né il profumo dello zafferano.

2020-04-26_141120 Asparagi Salsiccia Zafferano Sugo Ricetta

Ecco pronto il sugo con asparagi, salsiccia e zafferano. Mi piace condirci i ravioli freschi ripieni di ricotta.

Sugo Asparagi Salsiccia e Zafferano: con quale tipo di pasta?

Il sugo che verrà fuori sarà ottimo per condire ogni tipo di pasta corta, dalle penne ai fusilli, dalle mezze maniche ai sedanini, ma sarà ottimo anche per paste fresche come gli strozzapreti o i ravioli.

Un’altra ricetta con gli Asparagi? Eccola: Ricetta Risotto con Asparagi e Salmone.


 

 

Ragù veloce. Ricetta per un sugo di carne pronto in poco tempo

ricetta ragù veloce

Il ragù ha i suoi tempi. Lunghi, naturalmente. Tempi di ore per far sobollire con calma, per arrotondare il sapore, per sciogliere i grassi, per ammorbidire la crosta del formaggio. E ha anche i suoi tanti ingredienti, come quelli che ho indicato nel post “Ragù, la ricetta definitiva“.

Possiamo pensare a un ragù più semplice, più veloce? La mia risposta è sì: non necessariamente il ragù deve bollire ore e non necessariamente dobbiamo rapinare una macelleria per ottenere le varie carni.

Se togliamo quel che c’è da togliere, fra erbe aromatiche, ortaggi, carni, cosa resta di essenziale? Intendo proprio l’essenziale, ciò di cui mai e poi mai potremmo farne a meno.

Alla fine, gli ingredienti principali di cui davvero non potremmo mai farne a meno solo tre o quattro non di più: carne macinata mista bovino e suino, salsicce, cipolla, pomodoro. Tutto qui, e naturalmente sale e pepe, o sale e peperoncino.

Tutto il resto è superflui. Un superfluo fantastico, beninteso, un superfluo che rende favoloso il ragù, che lo fa, appunto, “definitivo”, ma in alcune giornate dobbiamo accontentarci e allora ecco la ricetta per un ragù veloce. Veloce, ma pur sempre buono e di qualità. Provare per credere.

Ingredienti

Mezzo chilo di carne macinata mista bovino e suino

Mezzo chilo di salsiccia (o di pasta di salsiccia)

1 cipolla bianca

Concentrato di pomodoro

Olio extravergine di oliva

Vino Bianco

Sale

Maggiorana (anche in foglie esiccate)

Pepe o peperoncino (facoltativo)

La preparazione della ricetta ragù veloce

 

  1. Verso in un tegame un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva per ogni commensale. Poi trito grossolanamente la cipolla bianca e la verso nell’olio. Inizio a soffriggere ma a fuoco moderato.
  2. Quando la cipolla è appassita (non bruciata!), unico la carne: il macinato misto di bovino e suino.
  3. Condisco la carne con sale e maggiorana, volendo aggiungerò un po’ di pepe o di peperoncino.
  4. L’impasto di macinato deve rosolare per bene, quindi tengo la fiamma a livello medio-alto.
  5. Quando la carne avrà preso colore, sarà ora allungare con doppio concentrato di pomodoro sciolto in un bicchiere empio di vino bianco.
  6. A questo punto alzo la fiamma e inizia l’ultima parte di cottura del sugo. Aspetto che l’odore di vino svanito e a quel punto abbasso sensibilmente la fiamma.
  7. Aggiungo una crosta di parmigiano reggiano ben pulita.
  8. Lascio sobbollire fino a quando il sugo si sarà addensato. Il miglior modo di capire quando è ora di spegnere il gas, è assaggiare!
  9. Dopo aver spento la fiamma, lascio riposare il sugo senza coperchio per qualche minuto, quindi condisco le tagliatelle o la pasta che avrò scelto per il mio ragù veloce.

     

     

Ricetta del Brodetto di Fano (e storia del Festival)

Ricetta del Brodetto di Fano

La ricetta che forse più caratterizza la città fanese è quella del Brodetto di Fano. È  il piatto che maggiormente lega l’ambiente urbano alle sue tradizioni antiche, quelle della marineria e del porto peschereccio. » Leggi tutto

Pasta con finocchietto e prosciutto. Ricetta veloce, estiva, facile

Ricette estive Pasta con finocchietto selvatico e prosciutto

Una ricetta veloce per l’estate? Un piatto facile e semplice? In questo periodo le proposte sono tante, basta cercare su google o sfogliare qualsiasi rivista di cucina. Nelle ricette estive spesso gli ingredienti principali sono prodotti del mare oppure verdure, mentre la proposta di oggi è una ricetta estiva, molto semplice, con ingredienti di campagna: finocchietto selvatico e un fondino di prosciutto. » Leggi tutto

Ricette estive: Insalata con tonno fresco e melone

Ricette estive, Insalata con Tonno fresco e Melone

Ricette estive? Questa nasce tra gli scaffali del supermercato, un pomeriggio di qualche giorno fa, quando mi balena in testa l’idea di preparare qualcosa di fresco, che non richieda troppa cottura, per non aumentare ulteriormente la già alta temperatura della mia casa fiorentina e che metta insieme sapori contrastanti, magari un po’ agrodolci. » Leggi tutto