Eliminare cattivi odori in cucina

Eliminare cattivi odori

Eliminare cattivi odori in cucina o sulle mani è possibile, sempre o quasi sempre. A volte per farlo bastano gli antichi rimedi della nonna, altre volte occorre attrezzarsi con prodotti più moderni. Ecco un elenco di consigli per vincere, o almeno per sopravvivere agli odori della cucina.

Eliminare cattivi odori: non dire che anche tu almeno una volta non ti sia chiesta come fare a togliere quell’insopportabile odore di cavolo in cucina oppure gli odori che si formano nel frigorifero o nel forno, per non parlare dell’esigenza di togliere dalle mani il fastidioso ‘profumo’ di pesce.

Ora ti elencherò alcuni semplicissimi consigli, piccoli trucchi per eliminare cattivi odori in cucina.

Eliminare cattivi odori dalla lavastoviglie

Spesso dalle stoviglie non eliminiamo bene i residui di cibo e questi provocano, a lungo andare, un poco piacevole odore nella lavastoviglie. C’è un rimedio molto efficace: ogni tanto, basta effettuare un lavaggio a vuoto (senza stoviglie), mettendo nella lavastoviglie un bicchiere d’aceto, 3 o 4 cucchiai di bicarbonato, un quarto di limone nella parte inferiore e un quarto in quella superiore.
Dimenticavo… il limone spremuto non lo butto mai, perché a ogni lavaggio, ne metto un quarto nel cestello delle posate e un quarto nel ripiano superiore.

Eliminare cattivi odori dal frigorifero

Il frigorifero è un ricettacolo di cattivi odori. Per pulirlo, deodorarlo e igienizzarlo, basta adoperare una spugnetta pulita imbevuta di aceto e cosparsa di bicarbonato di sodio. Per mantenere un odore decente, sistema nel frigo una tazza piena di bicarbonato. Se vuoi, puoi collocare negli angoli anche delle bucce di patate, perché assorbono gli odori. Ricordati, però, di cambiarle, altrimenti marciranno e saranno loro ad emanare cattivo odore!

Eliminare cattivi odori dal forno

Per quanto riguarda il forno o il microonde, anche questi vanno puliti e igienizzati con acqua e aceto, mentre posizionare al loro interno per qualche ora un bicchierino di acqua bollente e succo di limone servirà a eliminare la presenza di odori sgradevoli.

Eliminare cattivi odori dallo scarico del lavello di cucina

Sciolgo in mezzo litro di aceto caldo 5 cucchiai di bicarbonato di sodio e 5 cucchiai di sale grosso. Verso tutto nello scarico e dopo un’ora circa butto giù un paio di litri di acqua bollente. Se vuoi passare ai prodotti chimici, ti consiglio di adoperare la semplice candeggina: versane mezzo litro nello scarico e lascia agire per due o tre ore, poi fai scorrere l’acqua calda.

Eliminare cattivi odori da caffettiera e teiera

Anche tè, caffè, tisane possono formare odori sgradevoli. Per quanto riguarda lateiera, ti consiglio di lavarla con acqua calda, asciugarla bene e poi metterci dentro un paio di zollette di zucchero per un giorno intero. Lo zucchero assorbirà gli odori fastidiosi.
Per la caffettiera che da tempo non viene adoperata, al posto dello zucchero mettere un cucchiaio di caffè.

Eliminare cattivi odori dal tagliere di legno

Questo metodo è eccezionale ed evita di adoperare qualsiasi detersivo o detergente chimico. Lavo il tagliere in acqua fredda, poi ci strofino un limone tagliato a metà e lo risciacquo con l’acqua. A questo punto lo cospargo completamente con una pasta di poca acqua e molto bicarbonato di sodio e lo lascio riposare tutta la notte, e anche più se possibile. Sciacquo con l’acqua tiepida e asciugo bene. Addio odori!

Eliminare cattivi odori dal contenitore dei rifiuti organici

Ricicliamo tutto, per fortuna, ma a volte dobbiamo tenerci in casa o sul terrazzo per alcuni giorni il contenitore dell’umido che emana davvero un cattivo odore! Non è risolutivo, comunque aiuta: metti sempre del bicarbonato sul fondo del contenitore dei rifiuti e ogni tanto cospargi il bicarbonato sui rifiuti organici. San Bicarbonato aiutaci tu!

Eliminare cattivi odori del cavolo

Cavoli, cavolfiori, broccoli, verze bolliti sono buoni e fanno bene, ma emanano un odore sgradevole. Per attenuarlo, puoi aggiungere nell’acqua di cottura un pezzo di pane raffermo. Chi suggerisce di mettere a bollire in un pentolino acqua e aceto bianco oppure aceto e scorza d’arancia, non si rende conto che l’odore dell’aceto per casa non è poi tanto più piacevole di quello dei cavoli?

Eliminare cattivi odori del fritto

Sul web si leggono decine e decine di consigli simili a questo: aggiungi all’olio di frittura una fettina di mela (o un pezzo di sedano). Ci ho provato e non solo non funziona, ma a me ha rovinato il fritto, perché ha abbassato la temperatura dell’olio.
Suggerisco un rimedio che non risolve del tutto ma argina l’odore persistente del fritto: mettere a bollire chiodi di garofano, scorza di limone e un paio di foglie d’alloro in un pentolino vicino alla padella della frittura.

Eliminare cattivi odori di pesce, aglio, cipolla dalle mani

E’ sufficiente strofinare il prezzemolo sulle mani e poi sciacquare in acqua fredda o tiepida (ricorda che l’acqua calda fissa gli odori) oppure puoi strofinarti le mani conun po’ di dentifricio o, ancora, puoi massaggiarle con un impasto di latte, bicarbonato e limone, però -diciamo la verità- il modo migliore è prevenire, quindi indossa un paio di guanti in lattice usa e getta oppure adopera una comoda e semplice saponetta d’acciaio inox!

 

    
TI E' PIACIUTO? CONDIVIDILO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *